Quaresima 2024 Reflessione e invito alla Revisione di Vita. Aurelio SANZ BAEZA

Ci troviamo in un tempo di grazia, di comunione con tutte le persone del nostro mondo che desiderano la pace, la concordia e la solidarietà realizzata con l’umanità sofferente. Ci troviamo anche in un tempo turbolento, di insicurezze, di risoluzioni di conflitti in sospeso, di sfruttamento umano nelle sue varie forme.
Sono chiamate permanenti di fronte alle quali spesso ci sentiamo impotenti..

Anche la nostra vita personale è influenzata da tutto ciò che ci circonda, dal lavoro o dallo stress dovuto a molteplici attività, dalla ricerca di più ore ogni giorno, o dall’inattività dovuta all’età, alla stanchezza, alla malattia…

La parola CONVERSIONE ci ritorna in questo momento, e possiamo lasciarla come nel periodo natalizio come ornamento che accompagna la stagione dell’anno, perché è un atteggiamento necessario per celebrare la Pasqua, una di risurrezione e un’altra di nascita. Vale a dire, la conversione può restare un cliché che si ripete ogni anno, e attraversare la nostra vita come la cura di un raffreddore o poco più.

Se osserviamo la conversione di Charles de FOUCAULD, oltre alla sua personalità, al suo passato più recente e alla sua biografia fino a quel momento, c’è un’azione di Dio, che chiama suo figlio, che mette sulla sua strada Henri HUVELIN, che ha il sostegno spirituale della sua famiglia, così angosciata da quel fratello, cugino, così intelligente e creativo che è difficile comprenderlo.

Detto questo, potremmo fare queste riflessioni:

1 In quali aspetti della mia vita, della mia spiritualità, del mio lavoro ordinario e dei miei rapporti con gli altri ho bisogno di cambiamenti? Mi sono sistemato come sono sempre stato o sento che non sto lavorando bene in quel modo? Mi batto per gli altri, per Papa Francesco, per i miei confratelli sacerdoti? Difendo i poveri che sono con me?

2 L’amicizia con Dio, il mio rapporto con Lui nella preghiera, nella celebrazione dell’Eucaristia o della Liturgia delle Ore, è improntato al rito ripetitivo, abitudinario, ordinato, oppure è espressione quotidiana, del presente, della mia momento? attuale e mondiale, con le preoccupazioni o le gioie della giornata? Il culto, l’ascolto della Parola, che posto e tempo occupano nella mia vita quotidiana? Ho tempo per quasi tutto tranne la preghiera e la contemplazione? Il giorno del deserto, è una priorità? Sono pigro, ho paura…?

3 Quando ci sono tanti cavi di collegamento in un dispositivo elettronico e non riusciamo a capire dove va l’uno e l’altro, come faccio a connettere dalla mia buona volontà nel mio cuore la chiamata di Gesù a lavorare nel suo Regno, l’urgenza di risposte da parte mia ai conflitti umani che esistono vicino o lontano da me? Ho la capacità di ascoltare chi ha bisogno di me?

La Quaresima è tempo di conversione: non facciamo di un altro mito o di un’idea, di un ornamento di tutto il nostro essere credenti, facile da spiegare agli altri, ma difficile da affrontare interiormente.

Aurelio SANZ BAEZA,
Fraternità di Murcia

Febbraio 2024


PDF: Quaresima 2024 Reflessione e invito alla Revisione di Vita. Aurelio SANZ BAEZA it

COME STIAMO BENE! Juan C MARTÍNEZ e Ana URDIALES

Essendo una famiglia numerosa di Cartagine, in Spagna, il 2020 è stato un’occasione meravigliosa, perché “grazie” alla pandemia del Covid, che ci ha costretto all’isolamento forzato e alle restrizioni di non poter uscire per le strade, abbiamo potuto trascorrere più tempo del solito insieme.

Ma nel 2021, proprio quando sembrava che la pandemia stesse iniziando a essere sotto controllo, una sequenza di eventi ha iniziato a ha sconvolto la pace familiare. È così la nostra frase “Come stiamo bene” è diventata più significativa che mai. Per noi questa frase è stata non solo un modo di ringraziare Dio, ma anche un’espressione di abbandono; siamo pienamente convinti di stare bene perché siamo nelle mani migliori, cioè nelle mani di Dio. Tutti sappiamo cosa ciò che Carlos de Foucauld ha voluto dirci nella Preghiera dell’Abbandono, che è una porta verso la speranza.


Leggete il documento completo in formato PDF: COME STIAMO BENE!. Juan C MARTÍNEZ e Ana URDIALES

Piccoli Fratelli di Jesus Caritas, gennaio 2024

Tra echi di guerra un Natale di Speranza

Carissimi amici,

quest’inizio del 2024, come tutti gli inizi, porta in sé tanta speranza, insieme alle tante incognite che sono state lasciate aperte dal tempo precedente.

Ho avuto la grazia di passare il Natale in Terra Santa, insieme ai fratelli di Nazaret e certamente le due cose si sono mescolate anche lì: l’incognita della guerra a Gaza che si aggiunge alle tante tensioni già esistenti nella forzata convivenza del popolo palestinese con quello ebraico, insieme alla Speranza con la S maiuscola che il Natale porta con sé.

Avevo promesso ai nostri fratelli che avrei passato il Natale con loro. Mi aveva colpito il “naturale coraggio” col quale avevano affrontato, durante il Capitolo, la decisione del loro ritorno in Terra Santa: “Da Nazaret nessuno è venuto via per la guerra e non vogliamo farlo neanche noi”.

Per i miei standard di coraggio prossimi allo zero (ho paura praticamente di tutto), que-sto viaggio lo consideravo un gesto eroico, ma poi in realtà si è rivelato molto più facile del previsto.

La guerra concentra la sua faccia violenta e distruttiva su Gaza, mentre in altre parti quasi non ci si accorge di essa, almeno a prima vista.

Già partire con l’aereo pieno e con tanti bambini a bordo mi ha colpito. Ero seduto vicino a una giovane famigliola ebrea con tre bambini piccoli. Il papà ha impiegato mezz’ora a rimettere a posto giochi, pennarelli, matite colorate usate dai tre pargoletti. Ho imparato anche che in ebraico mamma si dice “ima”. La povera madre infatti è stata tartassata durante tutto il volo dalle richieste dei figli.

Arrivati a Tel Aviv, l’aeroporto era pieno di vita, di negozi, di colori, anche se grandi foto degli ostaggi ebrei in mano ad Hamas, erano lì a ricordarti la guerra.

Durante il viaggio verso Nazaret con Giovanni Marco, tutto sembrava normale.

E così anche in città tante luminarie e un po’ di confusione facevano sembrare tutto tranquillo.

Però nella gente tanta preoccupazione, tanta incertezza sul futuro, tanto smarrimento. Non c’è stata persona con la quale abbia interagito (soprattutto attraverso i fratelli chiaramente) che non abbia manifestato queste emozioni, queste sensazioni.

Sono rimasto stupito da quanti amici arabi abbiano i fratelli, e dalla loro generosità! Di alcuni ho visto solo i buoni cibi che ci hanno portato; altri li ho potuti conoscere almeno un pochino. La situazione di guerra, la relazione con gli ebrei li preoccupa e li lascia nell’incertezza… anche se sentivo in loro un atteggiamento di speranza, forse un po’ mista a rassegnazione al conflitto, che fa da “benzina” per vivere l’oggi in pienezza.

Una piccola parentesi voglio aprirla sulla cucina araba con i suoi odori e sapori buonissimi: riso, spezie, frutta secca, carne di montone e di pollo, yogurt (laban) e salse varie, dolci pieni di miele… l’anticamera del Paradiso! E questi amici dei fratelli hanno fatto in modo che i miei giorni fossero all’insegna dell’abbondanza!

Poi i vari preti e frati incontrati, soprattutto la sera di Natale (il 24 la Messa in Basilica è stata alle 19.30): tutti sconcertati da questo tempo di guerra e dalla violenza inaudita con la quale è esplosa. Anche se tutti proiettati a continuare la loro presenza e la loro opera in Terra Santa.

La celebrazione è stata presieduta dal Custode di Terra Santa. Mancavano ovviamente i pellegrini che di solito riempiono la Basilica, ma c’erano tantissimi cristiani di Nazaret a celebrare e la chiesa era piena lo stesso. Canti bellissimi, atmosfera fantastica, omelia in arabo (così non mi sono sentito in colpa di aver dormito durante la stessa!).

Natale lo abbiamo festeggiato in fraternità insieme ai carissimi fratelli guanelliani, nostri vicini di casa, con pranzo a cura di Roberto che ci ha fatto gustare sapori italiani: fettuccine
al ragù e arrosto di maiale!

Il giorno di Santo Stefano, con Roberto e Giovanni Marco siamo stati a Gerusalemme, dove abbiamo visitato il Santo Sepolcro che stavolta era vuoto due volte: una perché Gesù è risorto, due perché non c’era praticamente nessuno. Anche nella Città Santa tutto sembrava apparentemente normale. Ma evidentemente l’apparenza inganna.

E così è arrivato il tempo di ritornare a Sassovivo dopo pochi, ma intensi giorni di pellegrinaggio.

Ringrazio il Signore, prego con tutti voi per la pace nel mondo intero e soprattutto nella Sua Terra che forse è così insanguinata proprio perché porta in sé il sangue di Cristo che si è incarnato lì dove è il cuore dell’umanità ferita.

Buon anno a tutti,

Gabriele, fratello priore.


Leggete il documento completo in formato PDF: JCQ_1_2024

Piccole sorelle di Gesù. Notizie nr 48

Cari parenti, amiche e amici,

abbiamo appena concluso il nostro Capitolo Generale, un’esperienza molto intensa di comunione e di “famiglia” di cui desideriamo farvi partecipi in queste pagine condividendo con voi anche il discorso di Papa Francesco e i pensieri di alcune di noi subito dopo l’incontro con lui.

Siamo ancora tutti molto colpiti per i nuovi conflitti in Medio Oriente e per le situazioni di violenza in molti Paesi. Mentre va in stampa il Notiziario pensiamo alle sorelle a ai fratelli che vivono sulla loro pelle la tragedia della guerra e rinnoviamo il desiderio di seminare Pace, lì dove ci troviamo, ed essere perle di tenerezza.

Sono innanzitutto gli amici e le amiche con cui viviamo che ci insegnano e testimoniano che è possibile creare relazioni “in cui l’essenziale non è ciò che divide e separa, ma ciò che avvicina ed unisce…”, come sognava piccola sorella Magdeleine.

È questa la nostra esperienza quotidiana: ve la offriamo attraverso testimonianze di dialogo tra persone di diverse culture e fedi, di incontri nella vita quotidiana, di lavoro e di amicizia.

Custodiamo la fiducia e la speranza che sono molti coloro che seminano Pace e gesti di tenerezza e umanità. Così vogliamo vivere questo tempo verso Natale.


Leggete il documento completo in formato PDF: Notizie nr 48